Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Affitti brevi per locazione turistica: le case crescono del 58%

Postato da Martina Vitelli on 7 agosto 2018
| 0

Balza del 58% in dieci anni il numero di affitti brevi per locazione turistica. È quanto emerge dai dati Istat, aggiornati a tutto il 2017, rielaborati da Solo Affitti Brevi, il brand della società omonima specializzata nello short rent. Il numero complessivo di abitazioni locate con questa formula, infatti, è passato da un totale di 68.129 del 2008 ai 107.366 di oggi.

Il dato è significativo poiché restituisce la dimensione di un fenomeno, quello degli affitti brevi per locazione turistica, in ascesa. Una tendenza già intercettata da una recente analisi di Tecnocasa, che tra 2013 e 2017 ha registrato un deciso aumento degli acquisti immobiliari a scopo di investimento, passati dal 18,2% al 29,3% in provincia di Milano, dal 27,9% al 41,1% a Napoli, dal 29,1% al 46,5% a Cagliari, dal 16% al 33,9% a Verona e molto evidente in località turistiche che vanno dai Comuni sul Lago di Garda al Cilento fino alla costiera amalfitana. Tutti investimenti in cui i proprietari hanno dichiarato l’intenzione di adibire il nuovo immobile allo short rent, considerato più facile da gestire rispetto al B&B.

Affitti brevi per locazione turistica: il fenomeno in Italia

Su base territoriale, la Campania è la regione che ha registrato l’incremento maggiore: secondo l’elaborazione di SoloAffitti Brevi quasi otto volte in più con strutture passate da 819 a 7.291, seguita dalla Basilicata (+645%, da 74 a 551) e dalla Lombardia, dove gli appartamenti sono incrementati del 482% (a 5.626). Ma in tutte le regioni dove è forte la presenza di località turistiche c’è stato almeno un raddoppio delle attività, come in Emilia-Romagna (+378%, da 1.700 a 8.124), Lazio (+238%, da 1.551 a 5.235), Puglia (+212%, da 498 a 1.554), Calabria (+157%, da 143 a 368), Sardegna (+152%, da 310 a 780) e Sicilia (+109%, da 754 a 1574). Parallelamente, è salito anche il numero di posti letto (+22%, da 728.650 a 890.172) mentre, a livello provinciale, spicca il balzo di Ferrara (30 volte in più, da 109 appartamenti censiti a 3.479), Bergamo (da 42 a 902), Matera (da 27 a 429), Salerno (da 406 a 6021) e Taranto (da 17 a 166). L’offerta è accelerata in modo significativo negli ultimi tre anni. Se nel 2015 la disponibilità era ancora carente rispetto alla domanda, oggi ci sono zone dove la scelta è così ampia che il prezzo ne risente al ribasso. In città come Bologna, Firenze e Trieste sono molti i proprietari di casa che ogni settimana rinunciano alle locazioni classiche per intraprendere l’attività di affitti brevi per locazione turistica.

Affitti brevi per locazione turistica: le top 20 dell’estate

Sul podio degli affitti brevi per locazione turistica troviamo Capoliveri, nell’isola d’Elba, dove si registra un prezzo medio per notte di 300 euro, davanti a Palau (Sassari) con 272 euro, seguita da San Gimignano (Siena) con 246 euro a notte. La Sardegna è la regione con la più alta concentrazione di mete high cost (8), seguita dalla Toscana (6). Più economico l’Adriatico con i 147 euro di Riccione (Rn) e i circa 180 euro di Polignano a Mare (Ba) e Numana (An).

Fonte: IlSole24Ore

  • Resta aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

    Compilando il modulo acconsenti a ricevere informazioni commerciali e notizie immobiliari da Enei.me

Confronta Annunci