Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Imu e Tasi: le regole per non sbagliare

Postato da Martina Vitelli on 16 dicembre 2016
| 0

Oggi 16 dicembre scade il tempo per pagare le tasse sulla casa. 25 milioni di italiani sono chiamati a versare la seconda rata di Imu (l’Imposta municipale unica che nel 2012 ha sostituito l’Ici) e la Tasi (il tributo che copre le spese relative ai servizi indivisibili come l’illuminazione o la manutenzione delle strade) sulle seconde case o se si possiede un unico immobile ma non ci si abita. Esistono le dovute eccezioni per fortuna: infatti è prevista una riduzione del 25% per chi affitta gli immobili a canone concordato e del 50% per chi concede le case in comodato ai figli o genitori (il contratto deve essere registrato e il familiare, anagraficamente residente, deve utilizzarlo come abitazione principale). Niente più tasse, invece, sui terreni di proprietà di agricoltori e imprenditori del settore. Per non sbagliare abbiamo riassunto tutto quello che c’è da sapere su come pagare Imu e Tasi.

Come pagare Imu e Tasi: gli esentati

Esentati dall’Imu: sono esentati i proprietari delle abitazioni principali non di lusso, cioè non accatastate nelle categorie A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze (categorie catastali C/2, C/6 e C/7), a patto che abitino nella casa. Esenzione accordata al proprietario se sull’immobile c’è un diritto di usufrutto, il diritto di abitazione del coniuge superstite o se è stato assegnato dal giudice all’ex coniuge: in questi caso titolare dell’obbligo fiscale è, infatti, chi ha il diritto di utilizzare l’immobile. Dispensati sono poi i fabbricati rurali strumentali, le case popolari, le abitazioni di housing sociale e quelle assegnate dalle cooperative indivise ai soci o agli studenti, l’immobile non di lusso appartenente a personale di polizia, forze armate o vigili del fuoco, le case possedute da soggetti ricoverati in permanenza in casa di cura purché l’immobile non risulti locato e solo se la delibera comunale prevede espressamente l’assimilazione all’abitazione principale.

Esentati dalla Tasi: rientrano in questa categoria i terreni agricoli e le abitazioni principali. Se la casa è affittata l’inquilino deve pagare una quota della Tasi (tra il 10 e il 30% a seconda di quanto previsto dalla delibera comunale. A Roma, ad esempio, è pari al 20%), ma solo se non ha residenza e dimora abituale nell’immobile. Altrimenti non deve nulla.

Come pagare Imu e Tasi: la spesa

L’importo da versare sarà pari a quello dell’acconto di giugno, salvo in qualche Comune particolarmente virtuoso. Anche per il 2016, infatti, il governo ha bloccato le aliquote relative ai tributi locali del 2015. È il caso, ad esempio, di Roma (1.032 euro), Milano (1.020 euro) e Bologna (1.019 euro). Valori più contenuti ad Asti (290 euro), Gorizia (291 euro) e Catanzaro (330 euro).

Come pagare Imu e Tasi: il calcolo

Si applicano le stesse regole di calcolo per determinare la base imponibile data dal valore catastale rivalutato del 5% (in altre parole bisogna moltiplicare la cifra per 1,05) e poi moltiplicato per un coefficiente variabile a seconda della tipologia dell’immobile, invariato rispetto al 2015. Per i fabbricati abitativi il coefficiente è 160, per gli uffici 80 e per i negozi 55. A questo punto, alla base imponibile va applicata l’aliquota del proprio Comune che è diversa per Imu e Tasi. Questa è, infatti, l’unica differenza di queste due imposte gemelle. Il dato finale va poi rapportato alle quote e ai mesi di possesso dell’immobile. Ricordiamo che i comuni non inviano a casa nulla di precompilato. Spetta, quindi, ai contribuenti compilare il bollettino. Ed è possibile utilizzare quello postale oppure il modello F24 (si può pagare tramite l’home banking o in banca) senza dimenticare che anche se Imu e Tasi riguardano lo stesso immobile occorre compilare due moduli distinti (per l’F24 due diverse righe) indicando i diversi codici di riferimento dei tributi.

  • Resta aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

    Compilando il modulo acconsenti a ricevere informazioni commerciali e notizie immobiliari da Enei.me

Confronta Annunci