Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Investimenti immobiliari: in calo il non residenziale

Postato da Martina Vitelli on 5 Febbraio 2019
| 0

Investimenti immobiliari nel non residenziali in calo, ma meno del previsto.

Investimenti immobiliari nel non residenziali: i dati

Secondo Cbre in Italia il volume degli investimenti immobiliari nel non residenziale è stato pari a 8,856 miliardi di euro (il calo è del 22% rispetto al 2017). Registra un quarto trimestre dinamico anche l’ufficio studi di Bnp Paribas real estate: con volumi a quota 3,5 miliardi di euro si è confermato uno dei migliori quarti trimestri degli ultimi cinque anni e il terzo migliore di sempre.

Il segmento retail è quello che ha reagito meglio alla contrazione del mercato. Con i suoi 2,243 miliardi di volumi è una delle asset class più performanti dell’anno (-6% sul 2017). A pesare in questo caso è stata la contrazione dei consumi e la crescita (attesa) dell’ecommerce che impone cautela agli investitori. Tra paura del contaggio della crisi dei centri commerciali americani, che hanno registrato chiusure su chiusure, allo spauracchio di internet, la verità è che il segmento sta vivendo una evoluzione epocale. In futuro cambierà il modo di fare shopping, più vetrine virtuali e più negozi piccoli per la sola visualizzazione dei prodotti.

Investimenti immobiliari nel non residenziali: il mercato italiano

Le transazioni in Italia si sono concentrate comunque sui centri commerciali, che devono ripensare però il proprio futuro. Per alcune di queste strutture, secondarie, si è iniziato a vedere un repricing, dicono alcuni esperti. I volumi sono scesi del 17% negli uffici, 3,418 miliardi, e del 10% per la logistica.
Nel settore uffici, Milano rimane il mercato privilegiato da parte degli investitori, a quota 2,077 miliardi di investimenti. Roma mantiene un ottimo livello di take up in un contesto di mercato che continua a contrarsi. Cbre è pronta a scommettere sul settore hotel, che ritiene l’asset class più promettente nel 2019.

Investimenti immobiliari nel non residenziali: gli hotel

Il settore hotel è tra investimenti immobiliari da tenere d’occhio nel 2019 anche secondo Colliers. Il settore ha visto transazioni come quelle relative a LaGare Milano e Venezia per 105 milioni e per il Castello di Casole, ma il deal maggiore (per ora è stato firmato un preliminare) è quello relativo al brand Belmond, che proprio in Italia ha il 50% del valore con hotel che sono tutti trophy asset come il Cipriani di Venezia, Villa San Michele a Fiesole o il Caruso di Ravello (si veda il Sole24ore del 15 dicembre 2018). Ma ci sono altre transazioni nell’aria.

Fonte: IlSole24Ore

  • Resta aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

    Compilando il modulo acconsenti a ricevere informazioni commerciali e notizie immobiliari da Enei.me

Confronta Annunci