Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Valutazioni immobiliari: la nuova norma Uni

Postato da Martina Vitelli on 12 Febbraio 2019
| 0

Il documento tecnico delle valutazioni immobiliari è stato elaborato dal Tavolo “Metodologia calcolo dato immobiliare” condotto da UNI in collaborazione con la RPT.

E’ entrata in vigore il 4 febbraio la prassi di riferimento UNI/PdR 53:2019 “Analisi del mercato immobiliare – Linee guida per l’individuazione del segmento di mercato e per la rilevazione dei dati immobiliari”, frutto della collaborazione tra UNI e Rete delle professioni tecniche (RPT).

Valutazioni immobiliari: cosa dice la norma

La norma – che si applica ai comparti residenziale, direzionale/uffici e commerciale del mercato immobiliare – fornisce le linee guida sulla metodologia per la rilevazione degli elementi economico-estimativi (segmento di mercato) e sulla rilevazione dei dati immobiliari (caratteristiche quantitative e qualitative). Fornisce quindi alle valutazioni immobiliari e, più in generale, agli stakeholder del settore, una metodologia finalizzata a rilevare e analizzare il mercato immobiliare al fine di conseguire obiettivi di completezza, accuratezza e veridicità dei dati rilevati, dando le informazioni necessarie per conseguire trasparenza e oggettività nelle attività di valutazione degli immobili, sia per supportare l’elaborazione di indici di mercato e lo svolgimento di analisi sulla congiuntura del settore immobiliare, sia per costituire una base di indagine nell’ambito della pianificazione urbanistica e dei programmi di rigenerazione urbana.

Valutazioni immobiliari: un’importante evoluzione

La nuova prassi delle valutazioni immobiliari – dichiara il Vice Presidente CNGeGL Antonio Benvenuti , Project Leader dei lavori – rappresenta un’evoluzione importante per la trasparenza del mercato immobiliare e per la metodologia estimativa, che mette a disposizione dei player economici non solo i macro dati, come NTN dell’Agenzia delle entrate e affordability dell’ABI, bensì i micro dati utili all’impegno professionale, alle verifiche che i tecnici delle banche devono svolgere per coloro che operano sul mercato. Indubbiamente un risultato raggiunto anche grazie all’apporto delle Categorie aderenti alla Rete Professioni Tecniche”.

Fonte: IlSole24Ore

  • Resta aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

    Compilando il modulo acconsenti a ricevere informazioni commerciali e notizie immobiliari da Enei.me

Confronta Annunci